Allarme Nasa, misteriosi segnali radio da magneti superpotenti

0
128

La Nasa ha rilevato impulsi radio transitori della durata di pochi millisecondi che arrivano dall’esterno della nostra galassia e a cui non si trova per ora una spiegazione.

I fast radio burst (FRB) sono uno dei fenomeni astrofisici più affascinanti e misteriosi che investono la Terra: dei lampi che esplodono e poi svaniscono senza lasciare praticamente traccia. Se ne torna a parlare ora chela Nasa ha rilevato impulsi radio transitori della durata di pochi millisecondi che arrivano dall’esterno della nostra galassia e a cui non si trova per ora una spiegazione.

Il fenomeno sotto i riflettori degli scienziati Nasa

Di recente le osservazioni con il telescopio spaziale Hubble della NASA hanno aiutato i ricercatori a individuare la posizione di cinque FRB nei bracci a spirale di galassie lontane. Il team ha esaminato otto FRB, la maggior parte dei quali sono stati rilevati per la prima volta nel 2019 e nel 2020, ma le posizioni di tre di essi rimangono enigmatiche.

Leggi anche –> Fabrizio Scorza, chi è: ha filmato un Ufo vicino alle Frecce Tricolori

Una possibile spiegazione del fenomeno sta in una magnetar, cioè una stella di neutroni con un enorme campo magnetico, miliardi di volte più grande di quello terrestre, il cui decadimento genera intense e abbondanti emissioni elettromagnetiche.

Leggi anche –> Green Pass, tutto quello che c’è da sapere sulla certificazione per gli spostamenti

La cosa incredibile è che un lampo dalla durata di pochi millisecondi genera tanta energia quanto il Sole. In un nuovo studio pubblicato su The Astrophysical Journal, i ricercatori non solo hanno rintracciato cinque FRB nelle loro galassie ospitanti, ma hanno fornito le immagini a più alta risoluzione di quelle galassie.”

“Questa è la prima vista ad alta risoluzione di una popolazione di FRB e Hubble rivela che cinque di loro sono localizzati vicino o sui bracci a spirale di una galassia”, ha dichiarato l’autrice principale dello studio, Alexandra Mannings dell’Università della California, Santa Cruz. La maggior parte di queste galassie sono enormi, relativamente giovani e stanno ancora formando stelle. Quanto alla loro origine, “in questo caso, si pensa che i FRB provengano da razzi di una giovane magnetar”, ha concluso Mannings.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here