Ex postina scomparsa: la verità sul dramma di Silvia Cipriani

0
551

Che fine ha fatto Silvia Cipriani? E’ stata trovata l’auto incidentata tra Casaprota e Montenero, ma dell’ex postina sparita il 23 luglio ancora nessuna traccia…  

Il caso dell’ex postina scomparsa finisce anche sotto i riflettori di Chi l’ha visto?: “E’ quella di Silvia Cipriani l’auto ritrovata vuota stamattina, in una zona impervia del Reatino – si legge sul profilo Instagram ufficiale del programma condotto da Federica Sciarelli -. E’ stato necessario l’intervento di un escavatore dei Vigili del Fuoco per recuperare la Fiat Palio con la quale l’anziana è uscita il 21 luglio da #Rieti senza rientrare nella frazione di #Cerchiara. Perché l’auto era lì? A lei che cosa è successo?”.

silvia cipriani

Le ultime novità sul caso dell’anziana ex postina di Rieti

L’auto di Silvia Cipriani – una Fiat Palio grigio metallizzato – è stata ritrovata tra Montenero e Casaprota, in località Scrocco (Rieti) dove sono giunti nel primo pomeriggio gli uomini della Questura che hanno confermato la proprietà del mezzo in capo all’ex postina.

Ma nell’auto, incidentata, non c’era traccia della donna scomparsa. L’area è stata interamente transennata e sono tuttora in corso ricerche. Quanto all’ex postina, potrebbe essere ancora in vita e lontano da Rieti. L’auto è stata recuperata poco prima delle 20, quindi caricata su un carro attrezzi: era visibilmente incidentata sul fianco sinistro, nella parte anteriore.

A scoprire l’auto è stato Bruno Cicolani, dopo che ha avuto un guasto alla sua vettura e si è fermato sul ciglio della strada: da lì ha intravisto la Fiat Palio della donna nella boscaglia e subito lanciato l’allarme. Sul posto sono poi giunti anche gli uomini della Protezione civile e dei Carabinieri.

Ora gli inquirenti della Questura stanno cercando di capire anche da quanto tempo l’auto si trovasse sul posto, visto e considerato che non era difficile scorgerla e tra fine luglio e gli inizi di agosto si erano tenute nell’area ricerche anche piuttosto approfondite. Tra l’altro, la circostanza che l’auto fosse incidentata fa pensare all’ipotesi che possa essere stata portata in quell’area in un secondo momento. Domani mattina riprenderanno le ricerche e, si spera, arriveranno le prime risposte a tutti questi interrogativi.