Malaysia: il sultano si sposa con Miss Mosca 2015 e abdica per amore

Potrebbe recare invidia alla migliore fiaba la tenera love story che ha coinvolto Oksana Voevodina, incantevole modella russa nonché ex Miss Mosca, e Muhammad V, re (ormai emerito) della Malaysia

Sua maestà si è dimesso dalla carica di quindicesimo sovrano con effetto dal 6 gennaio. Egli ha suggerito al popolo malese di rimanere unito, coeso e tollerante”. Sono queste le parole tramite cui il Palazzo Reale della Malaysia ha annunciato ufficialmente – per la prima volta in assoluto nell’intera storia del Paese – la rinuncia al trono da parte del sultano. A primo impatto, un avvenimento quasi inspiegabile, cinto anche da una leggera tristezza, ma, in realtà, la motivazione si cela in ciò che di più felice esista, in quel che – come direbbe Dante – “move il sole e l’altre stelle”: l’amore.

Muhammad V, quarantanove anni, sultano della Malaysia dal dicembre del 2016, aveva fatto ritorno a Kuala Lampur solo di recente, dopo un congedo di due mesi dovuto pubblicamente a motivi di salute. Tuttavia, già da un po’ di tempo stavano circolando alcune voci riguardanti un suo presunto matrimonio con Oksana Voevodina, venticinquenne russa famosa per essersi aggiudicata, nel 2015, il titolo di Miss Mosca. Nonostante la mancanza di una dichiarazione chiarificante da parte delle autorità malesi – in evidente imbarazzo – con il passare dei giorni le indiscrezioni si sono rivelate sempre più attendibili, fino a ottenere piena conferma grazie alla pubblicazione di un’inequivocabile serie di foto e video della cerimonia, avvenuta proprio nel periodo di assenza del re.

E così, per evitare ulteriori complicazioni, Muhammad V ha deciso di abdicare, liberandosi del peso della corona per fuggire con la top model che, per inciso, si è pure convertita all’Islam, modificando il suo nome in Rihana Oxana Gorbatenko. In Malaysia, nel frattempo, il consiglio dei governanti ha sancito che il nuovo sovrano sarà nominato il prossimo 24 gennaio.

Direttore responsabile presso TrendingNews.it

COMMENTA