Web & Social

Maria Sharapova lascia il proprio numero ai fan: “Scrivetemi!”

Decisamente inaspettato il gesto compiuto dalla campionessa di tennis Maria Sharapova, che con un breve filmato ha invitato i suoi quasi quattro milioni di followers a contattarla telefonicamente

Da non molto fuori dai campi agonistici – dopo il ritiro avvenuto alla fine dello scorso febbraio – Maria Sharapova torna a far parlare di sé con un sorprendente post apparso recentemente sui social.

Nel difficile periodo che il mondo intero sta affrontando a causa della pandemia di COVID-19, probabilmente allo scopo di donare un sorriso ai suoi quasi quattro milioni di seguaci (e forse anche un po’ per noia), la trentaduenne russa – da sempre considerata una delle tenniste più forti della storia – ha deciso di rivelare il suo numero di telefono, invitando gli interessati a contattarla con un messaggio.

La lieta proposta è giunta insieme a un video che Maria Sharapova ha condiviso su Instagram e Twitter, tramite cui ha sottolineato la grande importanza di rimanere connessi e compatti in giorni complessi come quelli che stiamo vivendo. “Scrivetemi! 310-564-7981. Davvero – si legge nel post pubblicato da Masha – Ditemi come state, fatemi delle domande o mandatemi semplicemente un saluto. Anche qualsiasi buona ricetta è ben gradita“.

A conferma del fatto che dietro a una simile – sebben estremamente apprezzabile – iniziativa “spontanea” si nasconda comunque un progetto comune più ampio (come già il numero telefonico appositamente creato da Maria Sharapova lasciava alquanto intuire), vi è il gesto – praticamente identico al suddetto – compiuto dalla vincitrice dello US Open 2017 e del Miami Open 2018 Sloane Stephens.

So bene che la distanza sociale può farci sentire isolati, quindi volevo trovare un modo per aiutare noi tutti a connetterci un po’ di più – ha scritto la star statunitense – Ho creato il mio numero di telefono per la community, in modo da parlare di ciò che volete ed esserci l’uno per l’altro“.

Direttore responsabile presso TrendingNews.it

COMMENTA