Nek, la verità sull’incidente gravissimo alla mano: cosa gli è successo

3
209

Circa un anno fa Nek è stato vittima di un brutto incidente alla mano: il cantante ha addirittura rischiato di morire dissanguato. 

Era novembre dello scorso anno quando Nek ha postato una foto sui social che ha messo in allarme tutti i suoi fan. Lo scatto ritraeva il celebre cantante emiliano sdraiato in un letto d’ospedale, con una mano tutta fasciata. L’artista (che all’anagrafe risponde al nome di Filippo Neviani) si era limitato a spiegare ai propri follower di essere incorso in un brutto incidente domestico che aveva richiesto un’operazione alla mano. Solo di recente, ospite di Verissimo, Nek ha rivelato alcuni inquietanti dettagli relativi all’incidente.

Come sta oggi Nek

E’ successo tutto mentre si trovava nella sua casa di campagna: Nek si è inavvertitamente  tagliato con una sega circolare e ha addirittura rischiato di morire dissanguato: “Se fossi rimasto più del dovuto nella mia casa in campagna, in attesa dei soccorsi, nel peggiore dei casi sarei morto dissanguato, nei migliori avrei perso i sensi – ha raccontato lui stesso -. Invece, ho avuto il sangue freddo di prendere l’auto e di guidare fino al Pronto Soccorso di Sassuolo. Mi sono tagliato la mano con una sega circolare in un momento di distrazione”.

Leggi anche –> Nek, l’incidente drammatico: “Ho rischiato di morire dissanguato”

Leggi anche –> Alex Zanardi, la moglie rompe il silenzio: come sta dopo l’incidente

“Tutte le dita sono rimaste danneggiate – ha rivelato ancora Nek – ma, in particolare, l’anulare è quasi saltato via e il dito medio per metà, ma dopo oltre undici ore d’intervento sono riusciti a salvarmi la mano”. E adesso? “Mi sento come un bambino, perché riprendo un po’ di mobilità della mano ogni giorno. Ho ancora dei momenti di sconforto, soprattutto alla mattina, perché rimettere in moto la mano è molto fastidioso e poi, per me che non ho pazienza, è una prova ancora più dura. Se non avessi avuto vicino la mia famiglia sarei caduto in depressione, sarebbe stato tutto più complicato”. E conclude: “Questo incidente mi ha insegnato a valorizzare ogni singolo giorno come se fosse il primo”.

3 COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here