Prezzo della benzina, l’annuncio che tutti aspettavano: cosa succede ora

0
363

Nell’ultima settimana si è registrato un calo del costo della benzina alle pompe, questo trend positivo è destinato a continuare?

Il continuo rialzo del costo della benzina, legato anche all’aumento del costo dei barili di greggio, ha messo in ginocchio gli italiani. Il governo Draghi ha cercato di mettere una pezza e di calmierare il costo della benzina approvando un taglio sulle accise permesso dall’extra gettito generato dall’inflazione di questa prima parte del 2022. Con il taglio predisposto dal governo e valido almeno fino al mese di agosto, si è riusciti a mantenere il costo del carburante entro i 2 euro al litro, ma non a farlo scendere sotto quella soglia.

Insomma il taglio sulle accise non è stato sufficiente a riportare il prezzo della benzina su livelli standard a causa dei continui rialzi del costo del carburante, una situazione che comincia a diventare pesante, specialmente per chi con i mezzi ci lavora quotidianamente. La causa principale è l’aumento del costo dei barili di petrolio, un trend che è legato sia all’aumento dell’inflazione a livello globale, che alla guerra tra Russia e Ucraina.

Nell’ultima settimana, tuttavia, è stato registrato un calo del costo della benzina alle pompe. A renderlo noto è stato il report dell’osservaprezzi del Mise che ha fornito i dati relativi alla giornata di lunedì 4 luglio. Facendo un raffronto con il report della settimana precedente, fissato a lunedì 27 giugno, ci si accorge che tutti i prezzi sono scesi lievemente, ma non ancora in maniera sufficiente.

Prezzo Benzina, c’è un lieve calo: il trend positivo è destinato a continuare?

Purtroppo, infatti, tutti i prezzi – sia self che servito – sono ancora oggi al di sopra della soglia dei 2 euro. I prezzi maggiormente convenienti sono ovviamente quelli del self, che vedono il Diesel scendere ad un prezzo medio di  2.018 euro/litro, con prezzi compresi tra i 2.012 e 2.025, mentre quello della benzina ad un prezzo medio di 2.056 euro/Litro, con prezzi compresi tra i 2.047 e 2.065. Decisamente più alti i prezzi del servito, con la benzina che è ad un prezzo medio di 2.195, con prezzi compresi tra 2.131 e 2.265. Più basso ma sempre consistente il prezzo del Diesel al servito che scende ad un prezzo medio di 2.160, con variazioni comprese tra i 2.102 e 2.218 euro/litro.

Raffrontando tutti i prezzi medi con quelli della settimana precedente notiamo che il calo è stato di circa 3 centesimi a litro per ogni tipologia di servizio e benzina. Insomma si tratta di un abbassamento molto lieve che poco cambia per il momento agli italiani. Tuttavia si spera che questo possa essere un trend continuo e che gradualmente il prezzo del carburante possa tornare a livelli normali.