Super green pass e non solo: tutte le novità del decreto appena approvato

0
229

Il Consiglio dei ministri ha approvato il nuovo decreto con le norme per contenere la quarta ondata di Covid-19: ecco i punti principali.  

super green pass

Super green pass in zona bianca, obbligo vaccinale per insegnanti e militari, nuove regole per i treni, compresi quelli regionali: sono le novità introdotte dal decreto approvato dal Consiglio dei ministri oggi, mercoledì 24 novembre, dopo la riunione della cabina di regia e l’incontro con Regioni. Vediamole più da vicino.

Dal Super green pass alle nuove regole per i trasporti

L’obiettivo è contenere la quarta ondata di Covid. In quest’ottica, le novità più importanti sono il super green pass – una certificazione verde “rafforzata”, che spetta solo a vaccinati o guariti – e l’introduzione dell’obbligo di green pass base, ottenuto effettuando un tampone con esito negativo, per i mezzi di trasporto pubblici. Il provvedimento è stato approvato all’unanimità.

Leggi anche –> Montesano infuriato per il Green Pass: “Fan***o lo utilizzavano i nazisti”

Leggi anche –> Green Pass, tutto quello che c’è da sapere sulla certificazione per gli spostamenti

Le nuove regole scatteranno il prossimo 6 dicembre e resteranno in vigore fino al 15 gennaio. In sostanza, chi non è in possesso del super green pass non potrà entrare in bar e ristoranti al chiuso, palestre, impianti sportivi, cinema, teatri e discoteche, né potrà partecipare a spettacoli, feste e cerimonie pubbliche. Quanti non sono vaccinati o guariti, inoltre, non potranno neppure soggiornare in albergo. Il green pass “rafforzato” sarà valido 9 mesi dall’ultima inoculazione.

Per recarsi sul posto di lavoro sarà invece sufficiente il green pass ottenibile con un tampone molecolare o antigenico. Il green pass base servirà dal 6 dicembre per alberghi, spogliatoi per l’attività sportiva, trasporto ferroviario regionale e trasporto pubblico locale. Dal 15 dicembre, poi, la vaccinazione obbligatoria sarà estesa a personale amministrativo del settore sanità, docenti e personale amministrativo della scuola, militari, forze di polizia, soccorso pubblico. Per il personale sanitario è anche obbligatoria la terza dose.

La mascherina continuerà a essere non obbligatoria all’aperto in zona bianca, ma obbligatoria all’aperto e al chiuso in zona gialla, arancione e rossa. Resta l’obbligo per tutti di portarla con sé e indossarla in caso di potenziali assembramenti o affollamenti. La durata dei tamponi molecolari è di 72 ore, mentre quella dei tamponi antigenici è di 48 ore.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here