Alessia Marcuzzi svela qual è il suo sogno: l’Harem che non t’aspetti

0
3673

Alla fine della stagione televisiva Alessia Marcuzzi fa un punto della sua situazione professionale e svela qual è il suo sogno lavorativo.

Quella che si è appena conclusa è stata per Alessia Marcuzzi una stagione televisiva decisamente appagante. Cominciata alla conduzione di Temptation Island, questa è continuata tutto l’anno con la conduzione de Le Iene Show al fianco di Nicola Savino. I due ormai sono un tandem rodato ed il pubblico si è affezionato al punto da non poter immaginare il programma Mediaset senza i due conduttori in studio.

Tuttavia la prossima stagione potrebbe non vederli assieme nello studio de Le Iene. Intervistata da Nuovo Tv, infatti, la conduttrice 48enne ha ammesso che al momento non è a conoscenza di cosa farà a riguardo e di non aver ancora idea se verrà confermata nella trasmissione: “Non so ancora se ci sarò il prossimo anno”. Incertezza che riguarda anche la partecipazione anche all’altro programma stagionale, Temptation Island.

Leggi anche ->Alessia Marcuzzi, il messaggio fa impazzire tutti: “Amore scendi…”

Alessia Marcuzzi svela il suo sogno professionale: un “Harem”

Per quanto riguarda il reality sulle coppie, Alessia ha fatto trasparire il desiderio di voler continuare ad esserne la conduttrice: “Per adesso è prevista una sola versione con Filippo Bisciglia. Non sono mai stata una che si aggrappa ad un programma fino alla morte, però confesso che Temptation Island mi appartiene: posso fare quello che mi piace, ossia ascoltare le storie e immedesimarmi”.

Leggi anche ->Claudio Baglioni, rivelazione sugli inizi: nessuno poteva immaginarlo

In conclusione la conduttrice ha voluto rivelare quale sarebbe il suo desiderio professionale da diverso tempo a questa parte, ovvero condurre una nuova edizione di Harem, programma di Rai Tre andato in onda dal 1988 al 2002. A tal proposito la Marcuzzi rivela: “Vorrei rifare Harem, è il mio programma del cuore. Vorrei parlare in modo confidenziale con donne che sono riuscite a diventare un modello”.