Alfonso Signorini, la rivelazione sulla leucemia mieloide: “Non voglio essere compatito”

0
2181

Il noto giornalista e conduttore Alfonso Signorini ha avuto la leucemia mieloide: lo ha reso noto lui stesso in una recente intervista. Ecco il retroscena.  

Dietro il sorriso serafico e l’inesauribile energia di Alfonso Signorini c’è anche il dramma della malattia. Il noto giornalista, direttore di Chi e conduttore del Grande Fratello Vip, ha avuto la leucemia mieloide: lo ha rivelato lui stesso in una recente intervista a La Verità.

alfonso signorini

“Il 23 dicembre 2014 ero in diretta a Kalispera! c’erano ospiti Christian De Sica e Sabrina Ferilli e non smettevo di sudare”, ha confessato, “a mezzanotte avevo 40 di febbre. Terminai la serata e andai al pronto soccorso del San Raffaele”. Poi gli esami e gli accertamenti di rito, e la terribile diagnosi.

La lezione appresa da Alfonso Signorini

Alfonso Signorini ha iniziato le cure due giorni dopo, ed è stato questo tempismo a salvarlo. E’ stata dura, e in certi momenti è arrivato persino a pensare che non ce l’avrebbe fatta. “Non volevo leggere la preoccupazione negli occhi della persona che mi stava accanto”, ha detto riferendosi al compagno di allora. “Mi ha aiutato la fede e ringrazio il cielo di averla sempre avuta”. E col senno di poi “la leucemia mi ha fatto capire il valore delle cose!”.

Leggi anche –> Grande Fratello VIP, Alex Belli furioso: Alfonso Signorini perde la testa 

Signorini inoltre ha rivelato anche di essere diventato sordo e di portare l’apparecchio (cosa di cui nessuno si era mai accorto). “Non potrei mai vivere senza musica, da piccolo passavo le ore attaccato alla cuffia a sentire Verdi, Puccini, mentre mio padre continuava a regalarmi le piste per le macchinine. E ho ascoltato talmente tanto che sono diventato sordo”.

Leggi anche –> Alfonso Signorini, il retroscena su Fabrizio Frizzi: Rita Dalla Chiesa confessa tutto

Per il resto, “vivo la vita senza pensarci, ma non voglio essere compatito”, ha confidato Alfonso Signorini a Barbara d’Urso, “la compassione è peggio delle piastrine impazzite”. E soprattutto non vuole più vivere sotto stress: la malattia sarebbe emersa per via del troppo lavoro. “Dirigevo due giornali e assistevo mia madre, che era in cura. La vita ti chiede sempre indietro il conto”. Una lezione di cui far tesoro.