Amici, scandalo nel talent show: “Violenze e minacce su tre donne”

0
1005

Produzione, concorrenti e pubblici di Amici sono sotto choc, dopo la notizia di una condanna a 8 anni per violenze e minacce su 3 donne. Ecco il retroscena.     

Fulmine a ciel sereno sulla scuola di Amici. Il personal trainer Marco Castellano, 49 anni, divenuto noto al pubblico per la sua partecipazione al talent show di Maria De Filippi, è stato condannato a otto anni di reclusione, con rito abbreviato, per tre casi di violenza sessuale. Non solo: l’istruttore di fitness è stato condannato anche per cessione di stupefacenti a due delle sue vittime.

amici

Castellano avrebbe stordito una delle sue vittime con un narcotico nel caffè, per poi violentarla e minacciarla di diffondere un suo video hot. Poi, sempre dietro ricatto di pubblicare immagini intime a luci rosse, avrebbe convinto un’altra a tenere la bocca chiusa. E facendo leva su un video hard in suo possesso avrebbe persuaso una terza donna abusata a stare zitta.

Le gravi accuse nei confronti dell’ex trainer di Amici 

Ad emettere la sentenza sono stati i giudici della quinta sezione penale. I fatti risalgono al biennio 2016-2018: le violenze si sarebbero consumate, secondo la Procura, nell’ufficio di Castellano all’interno della palestra al Portuense dove ha svolto l’attività di istruttore per anni. Nel 2020 l’imputato, prima di essere rinviato a giudizio nell’ambito del procedimento che ora lo vede condannato, ha patteggiato quattro anni di reclusione con l’accusa di induzione alla prostituzione.

Leggi anche –> Amici, malore durante la puntata: panico in diretta, Maria interrompe tutto  

Le gravi violenze – si parla tra l’altro di sesso orale sotto effetto di narcotici – sono venute alla luce dopo l’arresto del personal trainer, finito in manette nel maggio 2018 per aver messo in piedi un giro di squillo. Solo allora le sue tre vittime – che si sono costituite parti civili nel processo, assistite dall’avvocato Valentina Angeli – hanno trovato la forza e il coraggio di raccontare tutto, certe che a quel punto le immagini compromettenti, lesive della loro dignità personale, non sarebbero state divulgate.

Leggi anche –> Amici, scoppia la polemica sugli allievi ‘viziati’: l’accusa alle famiglie