Andrea Delogu distrutta, l’hanno cacciata via in malo modo: durissima reazione

0
191

E’ su tutte le furie Andrea Delogu: la nota conduttrice in forza alla Rai ha subito una cocente umiliazione in una trattoria romana. 

Stavolta Andrea Delogu è un fiume in piena. La conduttrice televisiva e radiofonica in forza alla Rai ha raccontato l’episodio di cui è stata protagonista in una trattoria di Roma con un lungo sfogo attraverso un video pubblicato sul suo profilo TikTok. Oltre al danno anche la beffa…

andrea delogu

Il “no” che Andrea Delogu non si aspettava

“Finisco la palestra, vestita da palestra – esordisce Andrea Delogu -. Vado sotto casa, dove ha aperto una trattoria e volevo provarla. Vado dalla signora fuori e le chiedo se ci sono due posti per mangiare. Questa signora mi squadra, squadra la persona che era con me. Eravamo vestiti da palestra, niente di che, e ci dice che il ristorante è pieno”.

E invece la proprietà del locale in questione le ha mentito spudoratamente. La sua presenza in quel momento non era gradita nel ristorante per tutt’altro motivo: l’abbigliamento della conduttrice e della persona che era con lei. “Era vuoto, c’erano tre tavoli – prosegue Andrea Delogu -. Mi dice che era pieno e che dovevamo prenotare. Mi dà il bigliettino”.

Ma Andrea mangia la foglia e poco dopo decide di procedere con una mossa acuta: prende in mano il telefono e contatta il locale che l’ha “rimbalzata”. Ebbene, come per magia le dicono che c’è posto per mangiare anche subito. Ipse dixit: “Chiamo e chiedo di prenotare un tavolo per venti minuti dopo, per tre persone. Mi chiede se dentro o fuori e mi dice che ci aspetta. Mi sono inc…..ta. Le ho detto che ero la ragazza di prima e che allora ci avevano rimbalzato perché eravamo vestiti male”.

E conclude: “Ma nel 2022 ancora il dress code in un locale? Eravamo vestiti normali. E soprattutto mi dici una balla? Dimmi che c’è un dress code allora, nonostante il tuo locale sia una trattoria, non che è tutto pieno. Mi ha fatto inc….re la bugia. Ci sono rimasta male”. Un boccone amaro…