Antonella Clerici infuriata in diretta, non riesce a trattenersi: lacrime e rabbia

0
383

Il solido equilibri di Antonella Clerici e di È sempre mezzogiorno è stato turbato da una notizia straziante. Il giudizio della presentatrice è severo.

Antonella Clerici tutti i giorni accogli il pubblico di È sempre mezzogiorno con allegria, sempre carica e co l’energia giusta da trasmettere ai telespettatori. Il momento dell’apertura è dedicato sempre a qualche commento sui fatti di attualità. È sempre mezzogiorno è una trasmissione dai toni allegri, e Antonella cerca di non essere mai troppo pesante o severa nella prima parte del programma, non è da lei.

Antonella Clerici

L’atteggiamento leggero, ma non superficiale della Clerici è il leitmotiv delle puntate di È sempre mezzogiorno che per 90 minuti intrattiene i telespettatori alleggerendoli dai pensieri quotidiani. Durante la puntata del 25 maggio, però, qualcosa ha turbato questo solido equilibrio. Qualcosa di grave è successo e non è sfuggito agli occhi di Antonella.

Antonella Clerici severa a È sempre mezzogiorno

Antonella Clerici non perde mai un colpo, all’inizio di ogni puntata dedica sempre qualche parola ai tempi di attualità come partite, campionati vinti, successi italiani riconosciuti in tutto il mondo. Insomma, Antonella sembra sapere sempre tutto. Nel trattare i temi di attualità è sempre molto moderata. Ma durante l’ultima puntata andata in onda non è riuscita a trattenere il suo stato d’animo. Un mix di emozioni negative che oscillano tra la rabbia, l’incredulità e il dispiacere, quello che solo un genitore può provare. “Oggi avrei voluto iniziare parlandovi di Vasco e del suo straordinario concerto. Non si possono non ricordare i 19 bambini morti per mano di un folle“, esordisce così Antonella dando una nota di certo differente al programma. La conduttrice si riferisce alla strage del Texas consumata da qualche giorno.

Diciannove bambini e due maestre sono state uccise da un 18enne armato che è riuscito a entrare all’interno della scuola; “Purtroppo in America i fucili si possono comprare come fossero caramelle. Uno si alza la mattina, compra un’arma e fa una strage di innocenti“, parole sicuramente dure, ma che un po’ tutti avranno pensato nell’ascoltare i dettagli agghiaccianti della tragedia americana, non isolata purtroppo. Dell’autore della strage si sa poco o nulla, ma i pochi dettali emersi sono terrificanti e si collegano alle parole di Antonella Clerici.

Il giovane stragista aveva compiuto da poco 18 anni e per festeggiare si era auto regalato un fucile d’assalto Ar-15 e dei caricatori. Oggetti che condivideva tranquillamente (si fa per dire) sui social network. L’ennesima strage che si poteva evitare?!