Denise Pipitone, il disperato attacco di Piera Maggio: “Ti perseguiteranno”

La mamma di Denise Pipitone, Piera Maggio, si rivolge a colui che sa che fine ha fatto sua figlia e lo sprona a rivelare il segreto.

Sono passati 17 anni da quando Denise Pipitone è scomparsa dalla sua abitazione a Mazara del Vallo. Quel giorno la piccola stava giocando sotto casa e verso ora di pranzo è svanita nel nulla. In questi anni le indagini non hanno ancora portato a scoprire cosa sia realmente successo quel giorno e chi abbia rapito la piccola. I sospetti si sono concentrati su Anna Corona, ex moglie del padre di Denise, e sulla sorellastra Jessica Pulizzi.

Quest’ultima è stata accusata di aver avuto una parte attiva nella scomparsa di Denise, ma in tutti e tre i gradi di giudizio è stata ritenuta innocente poiché estranea ai fatti. Sembrava che dopo il processo la vicenda si fosse conclusa, ma di recente le indagini hanno ripreso vigore e Anna Corona è tornata tra i principali sospettati. Ciò nonostante al momento non sono state comunicate novità sostanziali sulle indagini e il destino occorso alla piccola Pipitone è ancora un mistero.

Leggi anche ->Denise Pipitone, i terribili sospetti dell’ex pm sulla bara vuota

Denise Pipitone, il messaggio disperato di mamma Piera Maggio

Dopo tre mesi di copertura mediatica costante sul caso, con la pubblicazione di vere o presunte novità sulle indagini, anche l’attenzione dei media su Denise è andata scemando. Chi non smetterà mai di cercare la verità è ovviamente la madre Piera Maggio, la quale ieri pomeriggio ha pubblicato un post su Facebook nel quale invita chi sa e non parla a farsi avanti per amore di giustizia.

Leggi anche ->Denise Pipitone, la mamma attacca: rivelazione su Jessica Pulizzi e Anna Corona

Nel post in questione si legge: “Gli occhi di Denise ti perseguiteranno sempre!! Dico proprio a te! Tu che sai e non parli, tu che hai procurato tanto dolore e ancora continui…Non avrai mai pace”. Il destinatario di questo messaggio è ovviamente ignoto, visto che ancora oggi non è chiaro chi sia realmente a conoscenza dei fatti e per omertà mantiene il silenzio e chi invece è realmente ignaro.

Impostazioni privacy