Diego Gastaldi, chi è lo sportivo paralimpico: potremmo vederlo a Tokyo

0
1699

Diego Gastaldi, chi è lo sportivo paralimpico: dopo l’incidente non si è mai fermato, presto potremmo vederlo alle olimpiadi di Tokyo 2021.

Diego Gastaldi è un giovane sportivo nato nel 1984 in Sardegna, ma cresciuto a Velletri. Fin da piccolo Gastaldi è stato un appassionato del mondo dello sport, e ha praticato a lungo arti marziali, pallavolo e atletica leggera. Campione a livello agonistico di quest’ultimo sport, nel 2011 è stato vittima di un bruttissimo incidente stradale che lo ha costretto alla sedia a rotelle. Da lì in poi Diego ha continuato ad allenarsi in vari sport, tra cui il tiro con la carabina e il canottaggio.

Diego Gastaldi, la carriera sportiva dopo l’incidente

Oggi Diego si allena sopratutto nei 100, 200, 400 e 800 metri di atletica leggera in carrozzina, tutte discipline per le quali detiene i record italiani della propria categoria. Gastaldi ha vinto anche due medaglie agli Europei di Berlino 2018: dopo il bronzo negli 800 metri e nella staffetta universale, oggi lo sportivo punta alle paralimpiadi di Tokyo. Oltre allo sport Diego Gastaldi è appassionato di motori e di musica: sempre a bordo della sua carrozzina suona rock e blues, utilizzando una chitarra che si è costruito da solo.

Potrebbe interessarti leggere anche –> Federica Pellegrini, la svolta in amore che nessuno si aspettava

Oggi Diego Gastaldi è uno degli atleti favoriti del team Obiettivo 3, centro d’ascolto per le disabilità ideato da Alex Zanardi. Nonostante la disabilità Diego non si è mai fermato, e giustamente si considera un ragazzo alla pari di tanti altri. “Per tutti io sono un grandissimo atleta, un campione. C’è gente che mi ferma mentre sono al supermercato e si complimenta perché faccio la spesa, o che mi incontra in palestra e mi dice che sono un punto di riferimento” ha raccontato l’atleta in una recente intervista; “In realtà sono un ragazzo normale, che grazie e a causa della disabilità ha avuto l’opportunità di partecipare a eventi speciali, come le Paralimpiadi”.