Giancarlo Magalli, il racconto di due lutti tragici per il conduttore

4
642

Giancarlo Magalli è andato ospite a Verissimo e ha raccontato della perdita di due persone molto importanti nella sua vita

Giancarlo Magalli è uno dei conduttori storici della Rai, ricordato soprattutto per aver traghettato I fatti vostri per tantissimi anni. Nel corso della sua lunghissima carriera, logicamente il presentatore ha conosciuto molti altri personaggi del mondo dello spettacolo, arrivando anche a stringere dei rapporti con alcuni di essi. Proprio per questo non stupisce che, andato ospite a Verissimo da Silvia Toffanin, Magalli abbia raccontato di alcuni suoi vecchi colleghi che non ci sono più. Il conduttore ha parlato soprattutto di due personaggi molto amati dagli italiani: Raffaella Carrà e Fabrizio Frizzi. Le sue parole hanno lasciato molti davvero a bocca aperta.

Potrebbe interessarti leggere anche –> Nanni Moretti, il terribile tumore che lo ha colpito due volte 

Le parole di Giancarlo Magalli svelano dei particolari retroscena

Giancarlo Magalli ha raccontato come con Raffaella Carrà ci fosse un rapporto che andava ben oltre il lavoro: infatti per anni le aveva affittato la casa, prima di vendergliela. Nonostante questo legame così profondo, l’ex conduttore de I Fatti Vostri ha specificato come ci fosse una sola persona che sapeva della malattia della regina del Tuca Tuca: il regista Sergio Japino. “Lei aveva capito che era una strada senza ritorno e gli aveva lasciato indicazioni per il funerale e altre cose“.

Potrebbe interessarti leggere anche –> Loredana Lecciso, la foto che fa impazzire Al Bano: tutti senza parole

Se quindi la morte della Carrà è arrivata effettivamente come un fulmine a ciel sereno, diversamente è andata per quanto riguarda Fabrizio Frizzi. Giancarlo Magalli, infatti, ha raccontato come lui facesse parte di quella cerchia ristretta che era a conoscenza del male che stava affliggendo il presentatore. Nonostante ciò, la morte di un amico così importante è stata comunque un durissimo colpo. “Io ero un po’ preparato per Frizzi perché gli amici più intimi lo sapevano. Sapevamo che non ci sarebbe stata guarigione, ma siamo comunque stati colpiti dalla velocità con cui se ne è andato“.

4 COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here