Jessica Pulizzi, chi è la sorellastra di Denise Pipitone: la sua storia

0
3271

Jessica Pulizzi, la sorellastra di Denise Pipitone, è stata indagata per la scomparsa della piccola ma poi assolta al processo. Ecco tutto quel che c’è da sapere su di lei. 

Jessica Pulizzi è la sorellastra di Denise Pipitone: in passato si è molto parlato di lei, essendo stata indagata per la scomparsa della piccola e poi assolta al processo. Jessica era stata accusata fin dal primo momento di aver rapito la piccola Denise per gelosia: a quanto pare la odiava.

Denise, figlia di Piera Maggio, è nata da una relazione clandestina tra quest’ultima e il padre di Jessica, Piero Pulizzi. Dopo diversi anni e una lunga battaglia giudiziaria, comunque, Jessica è stata assolta in Cassazione: a parere dei giudici, contro di lei c’erano soltanto indizi e nessuna prova certa. Ma chi è davvero Jessica Pulizzi? Conosciamola più da vicino.

L’identikit di Jessica Pulizzi

Il nome di Jessica Pulizzi è finito su tutti i giornali nell’ormai lontano 2007. In quell’anno, infatti, la figlia del padre biologico Piero Pulizzi venne formalmente indagata. All’epoca Jessica aveva soltanto 17 anni e dovette rispondere di una tremenda accusa: aver rapito la piccola Denise per gelosia.

Leggi anche –> Chi l’ha visto, anticipazioni puntata 19 maggio: novità sul caso Denise Pipitone

A tradire Jessica Pulizzi sarebbe stata un’intercettazione risalente a pochi giorni dopo la tragica scomparsa della bambina. Nella casa in cui viveva la famiglia vennero installate delle cimici che intercettarono una frase inquietante e tutta da decifrare: “Io a casa ci a’purtai”, che tradotto in italiano sta per: “Io a casa gliela portai”.

Leggi anche –> Denise Pipitone, la misteriosa intercettazione: “Vai a prendere Denise”

Queste ultime furono le parole riferite da Jessica a sua madre, la quale le chiedeva dove si trovasse il primo settembre, proprio in giorno in cui scomparve Denise. Secondo l’accusa non c’erano dubbi al riguardo: Jessica stava parlando della piccola Denise. Ma la verità ricostruita in tribunale è andata in un’altra direzione.