Katia Ricciarelli, la lite furibonda con Tina Cipollari in diretta tv

3
1277

Nel programma Selfie andò in scena uno scontro al calor bianco tra Tina Cipollari e Katia Ricciarelli: vedere per credere. Momento indimenticabile

tina katia ricciarelli

C’eravamo tanto odiate. Sarebbe questo il sottotitolo perfetto per un video che in queste ore sta facendo il giro del web, con protagoniste – udite udite – due primedonne del piccolo schermo come Tina Cipollari e Katia Ricciarelli. Della serie: a volte ritornano…

L’ex soprano nel mirino di Tina Cipollari

Era il 2016 e andava in onda il programma TV Selfie – Le cose cambiano con la conduzione di Simona Ventura. Nel cast figuravano, tra i giudici, Tina Cipollari, mentre tra i mentori Katia Ricciarelli in coppia con Ivan Zaytsev. Non tutti ricordano però che l’opinionista di Uomini e Donne e la concorrente del GF Vip 6 se ne sono dette di tutti i colori.

Leggi anche –> GF Vip, Katia Ricciarelli su tutte le furie perde la testa: insulti gravissimi

Leggi anche –> Tina Cipollari, cambiamento improvviso: mai vista così, tutti sconvolti

Il filmato in questione parte a discussione già avviata. I giudici e i mentori si trovano davanti a un ragazzo affiancato dalla presentatrice. “Intanto tu devi smettere di gridare sempre, Tina. Perché non siamo sordi“, scandisce Katia. E subito Simona prende le sue difese: “Tina ha questo modo di parlare e può parlare perché è la nostra regina“. Ma la Ricciarelli non la manda giù: “E allora sto zitta io. Basta. Anzi, se vuoi me ne vado via“.

Dal pubblico parte uno scroscio di applausi a favore della Cipollari, che si alza dalla sua postazione con aria di trionfo… subito imitata dalla cantante lirica. Poi la vamp tuona: “Allora, volevo ricordarti Katia che non solo i soprani sono amati sulla Terra, sono amati anche altre persone che non fanno il tuo stesso mestiere, cioè ma usa l’intelligenza mi meraviglio di te”. Nel frattempo però la Ricciarelli volta i tacchi e se ne va.

Simona rimarca che Katia non deve offendersi perché il programma è una grande terapia di gruppo. “Simona, scusa, permettimi – insiste allora l’opinionista -. Noi siamo qui seduti e dobbiamo in qualche modo esprimere il nostro parere nei confronti dei mentori. Perché non poterlo fare con lei, scusa? Allora non accettare la partecipazione a questo programma. Ma ci rendiamo conto? C’è spazio per tutti”.

3 COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here