Mia Martini, la verità sulla sua morte: cosa le è successo

0
933

Sono passati quasi ventisette anni dalla morte di Mia Martini, la nota cantante sorella di Loredana Berté: scopriamo cosa è successo

Il 14 maggio 1995 il corpo di Mia Martini venne ritrovato senza vita all’interno della sua casa di Cardano al Campo, in provincia di Varese. Dalle analisi effettuate si arrivò a capire che l’artista era morta per un arresto cardiocircolatorio, tuttavia resta ancora il dubbio su cosa lo abbia provocato.

Quando Mia Martini venne a mancare aveva solo quarantotto anni, e l’Italia intera pianse la scomparsa di una grande artista. Fin da subito nessuno si ritenne soddisfatto con l’autopsia del coroner, per questo cominciarono tutta una serie di ipotesi sui motivi che la portarono al decesso. Le teorie si sono moltiplicate soprattutto dopo che si è venuto a sapere che il corpo della cantante è stato trovato a terra, con un braccio teso verso il telefono e il mangianastri ancora in funzione. Inoltre, l’autopsia ha rivelato la presenza di sostanze stupefacenti nel sangue della sorella di Loredana Berté, all’anagrafe meglio nota come Domenica Rita Adriana Bertè. Per cui molti hanno pensato ad un’overdose finita male, ma le sorelle di Mimì si sono sempre scagliate contro questa idea.

La difficile storia di Mia Martini

Dopo la teoria legata all’utilizzo di stupefacenti, nel corso del tempo ne uscirono delle altre. Una riguardante il fatto che Mia Martini avesse un fibroma all’utero, un tipo di tumore benigno. Tuttavia questa non è la teoria più certificata: c’è infatti chi ha pensato che Mia Martini sia arrivata a togliersi la vita per colpa delle malelingue che da anni giravano su di lei.

Potrebbe interessarti leggere anche –> Elena Santarelli, l’annuncio che spiazza tutti: “Non ti temo”

All’inizio degli anni Ottanta, infatti, Mia Martini arrivò a ritirarsi dalle scene a causa di alcune voci che avevano iniziato a girare sul suo conto nel mondo dello spettacolo. Tutto è iniziato durante una tournée: dopo una tappa in Sicilia finita più tardi del previsto, la cantante convinse la band a non tornare a casa in nottata. Il gruppo decise comunque di non fermarsi e, sfortunatamente, ci fu un terribile incidente che non lasciò sopravvissuti. Da quel momento si iniziò a parlare sui giornali del fatto che Mimì portasse sfiga. Quest’idea venne avvalorata anche da un altro incidente: anni dopo un hotel in cui aveva soggiornato poco prima la cantante si incendiò.

Potrebbe interessarti leggere anche –> Elena Santarelli, l’annuncio che spiazza tutti: “Non ti temo”

A riguardo Mia Martini dichiarò: “La mia vita era diventata impossibile. Qualsiasi cosa facessi era destinata a non avere alcun riscontro e tutte le porte mi si chiudevano in faccia. C’era gente che aveva paura di me, che per esempio rifiutava di partecipare a manifestazioni nelle quali avrei dovuto esserci anch’io“. Ancora oggi il mistero sulla morte di Mimì aleggia e non si è capito che cosa effettivamente sia accaduto.