Omicidio Yara, si riapre tutto? La richiesta dei legali di Massimo Bossetti

28
1072

I legali di Massimo Bossetti, condannato per l’omicidio di Yara Gambirasio, chiedono il riesame dei reperti, sicuri che ci sia stato un errore.

Il 12 ottobre del 2018 la corte di Cassazione ha confermato definitivamente la sentenza di condanna all’ergastolo a carico di Massimo Bossetti per l’omicidio della 13enne Yara Gambirasio. Il muratore era ed è l’unico sospettato per la morte della bambina di Brembate di Sopra, ma sia l’imputato che i suoi legali continuano a sostenere l’innocenza e dal giorno successivo alla condanna chiedono una revisione del processo.

La 13enne è scomparsa nel novembre del 2010 dopo aver concluso un allenamento di ginnastica ritmica. Dal giorno successivo cominciano le indagini volta a ritrovarla e riportarla a casa, ma di Yara non c’è traccia. Il 26 febbraio del 2011 il suo corpo senza vita viene ritrovato a Chignolo d’Isola, lasciato in un campo aperto. L’autopsie rivela numerosi colpi di spranga, un trauma cranico e diverse ferite d’arma da taglio. Tuttavia si ritiene che la morte sia sopraggiunta in un secondo momento a causa del freddo e dell’indebolimento dovuto alle ferite. Sul corpo non ci sono tracce di violenza carnale, ma sui suoi indumenti intimi vengono trovate tracce di sperma.

Leggi anche ->Massimo Bossetti, l’analisi choc delle conversazioni in carcere

Massimo Bossetti, i legali chiedono il riesame dei reperti

Le analisi del dna sulle tracce biologiche trovate sia sugli indumenti che attorno alle ferite da taglio non portano a dei riscontri. Al fine di individuare il colpevole, dunque, si procede ad uno screening a campione. Da questo si rileva che il dna è simile a quello di un frequentatore di una discoteca locale, si traccia dunque un ramo genetico grazie al quale si arriva al padre dell’ignoto n°1: Giuseppe Guerinoni. In seguito ad ulteriori esami, si arriva ad identificare il colpevole in Massimo Bossetti.

Leggi anche ->Jessica Pulizzi, chi è la sorellastra di Denise Pipitone: la sua storia

La prova del Dna risulta schiacciante nel corso dei processi e Bossetti viene condannato in tutti i gradi di giudizio. Il muratore di Mapello respinge da sempre le accuse ed i suoi legali continuano a chiedere una revisione del processo, convinti che le prove si siano basati su un esame errato dei reperti. I giudici si sono riservati di decidere e comunicheranno la loro decisione nel corso di un’udienza privata. Di recente l’avvocato Camporini ha chiesto alla Corte D’Assise di Bergamo che venga “ripristinata non solo la legittimità ma anche la legalità”.

28 COMMENTS

  1. SE risulta che Bossetti è innocente i giudici, nei tre gradi di giudizio, inclusa la Cassazione, che l’hanno condannato senza vere prove ed evidenze a suo carico devono scontare loro la pena che gli avevano imposto.
    Non fosse altro che per insegnare agli altri loro simili che non si gioca con la vita delle persone e che il potere che hanno non è al di là del giudizio esso stesso. SE innocente, gli anni che gli hanno portato via non glie li può ritornare nessuno, né tantomeno il danno all’immagine.

    Quando si condanna qualcuno si deve essere SICURI OLTRE OGNI RAGIONEVOLE DUBBIO che quello sia il colpevole. Non è ammissibile che si imprigioni gente innocente solo per far contento il pubblico assetato di sangue, di chiunque, anche quello di un innocente o solo per fare la figura degli eroi davanti alle TV.

  2. Ma chi li paga questi avvocati? Mai vista tanta ostinazione, forse costoro sperano nell’occasione della loro vita per diventare principi del foro. Mi sembra assurdo che si debba dare credito a costoro e non a chi, nei vari gradi di giudizio, ha accertato la colpevolezza di Bossetti. E chi insinua dubbi a mezzo stampa si prende una pesante responsabilità.

    • Sai quanti sono stati accusati e trovati colpevoli ingiustamente di qualcosa nonostante una condanna in tre gradi di giudizio e perfino uccisi e solo dopo molti anni o dopo la loro morte si è scoperto che erano innocenti. Peraltro le prove a carico di Bossetti non mi sembrano nemmeno tanto “schiaccianti” ma piuttosto sembra che i giudici avessero fretta di chiudere il caso, e chissenefrega se il colpevole è davvero il colpevole dopotutto, l’importante è dare in pasto il mostro a un branco di imbecilli che NON vogliono scoprire la verità, ma piuttosto vogliono solo soddisfare il loro sadico desidero di crocifiggere qualcuno.

      Ma davvero a leggere interventi del genere c’è da chiedersi fino a che punto il QI medio è precipitato negli ultimi anni.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here