Tumore Gianluca Vialli, come sta adesso il campione: gli ultimi aggiornamenti

0
7938

Gianluca Vialli, il calciatore ha rischiato di perdere la vita per un cancro al pancreas: come sta adesso il campione sportivo.

Tra gli anni ’80 e gli anni ’90 Gianluca Vialli è stato uno dei migliori centravanti in circolazione, e anche se oggi ha abbandonato il campo per lavorare nella federazione italiana i tifosi lo ricordano ancora come una vera stella. Vialli è stato protagonista di una carriera piena di successi e conquiste; il calciatore è stato uno dei pochi ad aver vinto tutte e tre le competizioni Uefa più importanti in assoluto: la Champions League, la Coppa Uefa e la Coppa delle Coppe (soppressa nel 1999).

Gianluca Vialli, come sta adesso dopo il cancro

Gianluca Vialli ha conquistato la sua carriera indossando due bellissime magliette: quella bianconera della Juventus e quella Sampdoriana. Il calciatore ha lavorato anche in Premier League, correndo per la squadra del Chelsea. Al termine della sua carriera da giocatore lo sportivo ha deciso di restare in Inghilterra, dove per un paio di stagioni ha allenato il club londinese di Stamford Bridge.

Potrebbe interessarti leggere anche –> Francesco Totti, il messaggio commovente: “Un giorno che non dimenticherò mai”

La partita più difficile, però, il calciatore ha dovuto giocarla fuori dal campo. Qualche anno fa infatti ha annunciato di soffrire di un tumore al pancreas, e per un periodo di tempo la situazione sembrava talmente grave da far pensare che Valli potesse perdere la vita. Le cure per il cancro gli hanno fatto cadere tutti i capelli, e il giocatore in poco tempo è dimagrito tantissimo. Dopo tutte le cure e le medicine necessarie, però, fortunatamente Gianluca Vialli è riuscito a sconfiggere la malattia. Oggi lo sportivo sta bene e ha recuperato una forma fisica sana ed agile; la malattia ha lasciato segni difficili da nascondere, ma Vialli li affronta con coraggio: “Adesso mostro le mie paure con orgoglio, sono il simbolo di quello che ho passato”, ha raccontato il calciatore durante un’intervista. “Adesso capisco che quando voglio piangere posso farlo senza vergogna”.