Bomba su Gemma e Tina Cipollari: “E’ tutto finto, ecco le prove”

2
1638

Tina e Gemma nemiche solo per scherzo e per convenienza: a lanciare l’accusa bomba è l’esperto di gossip Alessandro Rosica, conosciuto su Instagram come Investigatore Social.   

Nemiche giurate? Macché: amiche per la pelle, o quasi. E’ una vera indiscrezione bomba quella appena lanciata su Tina Cipollari e Gemma Galgani: la rivalità tra le due protagoniste di Uomini e Donne sarebbe del tutto costruita, per fare pubblicità e massimizzare gli ascolti del dating show di Maria De Filippi. A sostenerlo è l’esperto di gossip e cronaca rosa Alessandro Rosica, meglio noto come Investigatore Social.

Quei pesanti sospetti su Gemma e Tina Cipollari

Secondo Rosica, le celebri litigate tra Tina Cipollari e Gemma Galgani sarebbero inventate di sana pianta e scritte a tavolino dagli autori di Maria De Filippi. “Tina e Gemma, mi vergognerei al posto vostro – dichiarato senza mezzi termini Investigatore Social su Instagram -. Siete due burattini! Ne abbiamo piene le scatole dei vostri giochini”.

Leggi anche –> Tina Cipollari, la tremenda vendetta contro Gemma Galgani

Leggi anche –> Uomini e Donne, Gemma all’attacco di Tina Cipollari: le sue parole

Di più: la Cipollari e la Galgani addirittura andrebbero spesso a cena insieme. Va detto, però, che i paparazzi non le hanno mai beccate a braccetto o in circostanze così compromettenti: insomma, mancherebbero prove concrete a sostegno delle affermazioni dell’esperto di gossip.

Non è la prima volta, del resto, che si parla di “teatrini” allestiti ad arte tra Tina e Gemma, anche se le dirette interessate hanno (almeno finora) sempre smentito. E poi la nuova edizione di Uomini e Donne è partita sotto il segno della loro conflittualità: la Dama torinese si è rifatta il seno e le labbra (nonostante l’età) e la primadonna non ha perso occasione per attaccarla, tacciandola di incoerenza e ipocrisia. The show must go on, diceva quel tale.

2 COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here