Charlene Di Monaco in cura psichiatrica: la triste ammissione di Alberto

0
6030

Non c’è pace per Charlene di Monaco. Gli ultimi aggiornamenti da Monte Carlo non rivelano purtroppo nulla di buono sulla principessa triste: ecco cos’è successo.

charlene monaco

Il calvario di Charlene di Monaco sembra non conoscere fine. Dopo il lungo “esilio” forzato in Sudafrica, l’ex campionessa di nuoto aveva rimesso piede nel Principato sperando di iniziare una nuova fase di normalità e serenità. E invece rieccola alle prese con gravi problemi di salute fisica e, stando a quanto trapelato nelle scorse ore, anche mentale.

La maledizione di Charlene Di Monaco

Un recente comunicato di Palazzo ha annunciato che la principessa, sofferente per uno stato di “profonda fatica generale”, non avrebbe partecipato alla Festa Nazionale del 19 novembre. E il Principe Alberto ha poi precisato che quello di sua moglie è un “affaticamento non solo fisico”: Charlene ha “bisogno di riposo e tranquillità”.

Leggi anche –> Charlene di Monaco è sparita nel nulla: Alberto è sempre più solo

Leggi anche –> Charlene di Monaco di nuovo ricoverata: il dramma nascosto, spunta la verità

Fonti be informate riferiscono che la principessa si trova in una clinica specializzata in Svizzera e che sarebbe partita accompagnata da uno psichiatra dall’ospedale monegasco Principessa Grace. Alla base di tutto ci sarebbe un profondo disagio psicologico: Charlene non si sarebbe mai integrata nella vita di Corte e il ritorno in Sudafrica ha sortito l’effetto opposto a quello da lei sperato. A detta dello stesso Alberto, Charlene soffrirebbe di “un esaurimento sia emotivo sia fisico” e “ha bisogno di un periodo di riposo e cure”.

Dopo il ritorno nel Principato Charlene non è riuscita a dormire né a mangiare, tanto meno a far fronte ai tanti e pressanti impegni che il suo ruolo le impone. Lei stessa avrebbe espresso il desiderio e l’esigenza di farsi aiutare. Ciò detto, Alberto continua a negare che vi siano problemi di coppia. E ribadisce di essere determinato a essere il più presente possibile per i gemellini, nell’attesa del ritorno – stavolta per sempre – della loro amatissima mamma.