Charlene di Monaco, il dettaglio inquietante sulle sue cure: nessuno poteva immaginarlo

0
7528

Alberto di Monaco spenderebbe ogni mese una cifra da capogiro per le terapie a cui viene sottoposta sua moglie Charlene: ecco il retroscena. 

Ormai è risaputo che Charlene di Monaco si trova ricoverata in un luogo segreto ai media internazionali. La “principessa triste” starebbe seguendo un percorso di riabilitazione fisica e psicologica, dopo che un’infezione a naso, gola e orecchie l’ha costretta a tre interventi nel corso del lungo “esilio” forzato in Sudafrica. Tutto ciò grazie al sostegno morale ed economico del principe Alberto, che a dispetto delle insistenti voci di crisi coniugale si sta dimostrando disposto a tutto per lei: anche a pagare centinaia di migliaia di euro al mese.

Le nuove ombre su Charlene di Monaco

Stando a quanto rivelato dalla rivista Ici Paris, Charlene è ricoverata in uno dei centri più esclusivi al mondo, il che sembra dar ragione a quanti sostengono che il malessere della principessa non sia affatto da sottovalutare. E per le cure necessarie Alberto sborserà 300mila euro al mese. “La Principessa è seguita da più medici di diverse specialità e resterà in clinica per almeno 30 giorni”, si legge sul magazine.

Leggi anche –> Charlene di Monaco “è incinta”, terremoto nel Principato: la verità sulle voci insistenti

Leggi anche –> Charlene di Monaco, spunta la maledizione che l’ha colpita: tutti senza parole

In una nota ufficiale di Palazzo, inoltre, i reali fanno sapere che almeno fino a Natale Charlene non parteciperà a eventi pubblici, dovendo prima recuperare totalmente le forze. La principessa ha bisogno di tranquillità e riposo assoluto e Alberto vuole garantirle tutto ciò a qualunque costo.

“Al fine di proteggere il comfort e la privacy necessari per la sua guarigione, il luogo in cui si trova la principessa rimarrà strettamente confidenziale”, si è appreso in via ufficiale, con la precisazione che “Charlene sta meglio, ma ha ancora bisogno di riposo e pace. Non è nel Principato, ma potremo visitarla molto presto”. Non resta che aspettare.