Denise Pipitone, colpo di scena: si cerca il cadavere “murato”

4
1029

E’ in corso un’ispezione in corso nella ex casa di Anna Corona: “potrebbe esserci il cadavere murato” di Denise Pipitone. 

Nuovo colpo di scena sul caso di Denise Pipitone. Dopo le rivelazioni degli ultimi giorni la procura di Marsala ha disposto nuovi importanti accertamenti. Uno di questi riguarda l’abitazione in cui risiedeva Anna Corona, madre della sorellastra Jessica Pulizzi ed ex moglie del padre della bimba sparita da Mazara del Vallo quel maledetto 1° settembre 2004. Nell’immobile potrebbe trovarsi il corpo della bambina, anche se fonti investigative hanno smentito le ricerche su eventuali resti.

La novità choc nel caso di Denise Pipitone

La casa in questione, ormai disabitata, avrebbe avuto al suo interno una botola, mai ispezionata dopo la scomparsa della piccola Denise. Dopo una segnalazione sono state disposte indagini in quello stabile e al momento le ipotesi sono molteplici. Questa mattina, in particolare, è emerso che la bambina potrebbe trovarsi murata all’interno dell’abitazione.

Leggi anche –> Maddie McCann è viva, la speranza dei genitori: il loro annuncio

Il corpo di Denise Pipitone sarebbe stato infilato nella botola e poi nascosto da un muro costruito appositamente. L’indiscrezione choc è stata diffusa prima ancora che la mamma di Denise, Piera Maggio, ne fosse venuta a conoscenza. “Abbiamo ricevuto un link da un giornalista, ma nessuno ci ha informato di quello che sta succedendo in quella casa” ha denunciato l’avvocato della donna nel corso della trasmissione Ore 14 su Rai 2, condotta da Milo Infante, stigmatizzando la fuga di notizie, mentre la mamma di Denise, visibilmente provata, ha chiesto di abbandonare la trasmissione.

Leggi anche –> Antonio Ciontoli, chi è davvero l’assassino di Marco Vannini

Dalle 12:30 circa i Carabinieri stanno ispezionando la casa, dopo aver ricevuto le chiavi da una parente dei nuovi proprietari dello stabile, che vivrebbero in Svizzera. Il sospetto del legale di Piera Maggio è che la scomparsa di Denise, avvenuta più di 17 anni fa, sia avvolta da un velo di omertà: a suo dire, ci sono persone che per paura non hanno parlato. “C’è paura, Mazara del Vallo dovrebbe fare una pressione fortissima”. Se qualcuno ha qualcosa da dire, ora è il momento di farsi avanti.

4 COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here