Fabrizio Nonis, il conduttore tv pestato col figlio allo stadio: il racconto choc

14
1147

L’esperto gastronomico Fabrizio Nonis e suo figlio sono stati aggrediti dopo la partita Verona-Inter: “15 minuti di terrore”.

Se l’è vista davvero brutta Fabrizio Nonis. L’ex conduttore Mediaset e Rai, ora su Gambero Rosso, è stato picchiato assieme al figlio di 22 anni da un branco di ultrà dell’Hellas dopo la partita Verona-Inter, vinta 3-1 dalla squadra di Inzaghi. L’esperto enogastronomico, che è un grande tifoso nerazzurro, ha riportato la perforazione del timpano destro.

La terribile disavventura di Fabrizio Nonis

“Sono stati dieci, quindici minuti di una violenza inaudita – ha raccontato Nonis al Corriere Veneto -. Siamo usciti dallo stadio contenti e felici per aver visto una bella partita. Era da due anni che non andavamo allo stadio. Io tifo Inter e seguo con molta simpatia l’Udinese, grazie alla mia attività professionale ho avuto modo di conoscere e frequentare molti giocatori come Ranocchia e Lasagna. Li avevo sentiti in settimana ed eravamo riusciti a recuperare due biglietti sotto la tribuna stampa per la prima partita da vedere assieme”.

Leggi anche –> Mara Venier perde la testa, l’insulto all’utente social che l’aveva criticata

Leggi anche –> Benedetta Rossi, la clip imbarazzante che nessuno aveva mai visto

“Appena usciti – ha continuato Nonis -, abbiamo visto che c’era all’angolo un bar dove ci saranno state centinaia di persone, tutte ammassate e senza mascherina che discutevano della partita e bevevano. Ho immaginato che fosse un luogo di ritrovo degli ultrà dell’Hellas e ho preferito dire a mio figlio Simone di fare un giro più largo. Premetto che quando andiamo allo stadio non portiamo mai bandiere, sciarpe ed evitiamo abiti che possano richiamare i colori sociali delle squadre in campo. Eravamo a meno di 300 metri dall’auto, quando ho visto che un gruppetto di sei, sette persone, si è staccato dal pubblico del bar e ha cominciato a seguirci”.

Al che Nonis ha invitato il figlio ad accelerare il passo, “ma non volevo mettermi a correre, anche se avevo una bruttissima sensazione. A un certo punto hanno cominciato a urlare ‘Ehi, tu, ehi voi. Che ore sono?’. Ci siamo fermati e mio figlio ha risposto: ‘Le undici meno dieci’. Erano a un metro da noi. Un uomo fra i 45 e i 50 anni, con il cappellino dell’Hellas in testa mi ha chiesto ‘Che c.. ci fate qua?’. A quel punto ho pensato che forse sarebbe stato meglio rispondere in dialetto, così da far capire che eravamo veneti anche noi e ho risposto che eravamo venuti a vedere la partita. ‘Che squadra tifate?’ mi ha detto l’energumeno. Ho detto che non tifavo per nessuna squadra, ma lui mi ha incalzato e allora ho detto che avevo simpatie per l’Udinese. Non ho fatto in tempo a pronunciare il nome della squadra friulana che mi sono trovato a terra. Quell’uomo mi aveva colpito con un pugno in pieno volto che mi ha fatto perdere l’equilibrio”.

E ancora: “‘Che cosa fate?’, ha urlato mio figlio. E via una sberla anche a lui, finito a terra come me. Gli altri, tutti con t-shirt o polo o cappellini dell’Hellas si erano messi a cerchio per bloccare le vie di fuga. Noi, cadendo, eravamo in mezzo a due auto parcheggiate. E lì hanno cominciato uno dopo l’altro a darci calci. Ai fianchi, alle gambe, al volto. Le auto un po’ ci proteggevano. Non so come, ma a un certo punto siamo riusciti ad alzarci e infilandoci tra le auto, abbiamo attraversato la strada. E quasi sono stato investito da un’auto di passaggio. Abbiamo raggiunto la nostra automobile e lì è arrivata la seconda dose. Pugni e calci, sberle a mio figlio, a cui hanno schiacciato il volto contro il cofano. Sono stati dieci, quindici minuti di terrore. Poi non ho capito che cosa è successo, un anziano è sceso dal suo appartamento o forse era di passaggio e ha chiesto che cosa stesse accadendo, loro si sono fermati e allontanati. Il tempo di entrare in auto, bloccare le chiusure e partire. Abbiamo fatto qualche centinaio di metri, poi ci siamo fermati e ho chiamato il 118”.

In ospedale sono giunti anche gli agenti della questura e della Digos. Dopo le dimissioni Nonis ha sporto denuncia contro il branco responsabile del vile attacco. “La nostra fortuna – conclude il volto tv – è stata quella di non reagire. E praticamente nessuno è intervenuto in nostro soccorso. Al Bentegodi non torneremo mai più”.

14 COMMENTS

  1. Hey I know this is off topic but I was wondering if you knew of any widgets I could add
    to my blog that automatically tweet my newest twitter
    updates. I’ve been looking for a plug-in like this for quite some time and was hoping maybe you would have some experience with something like this.
    Please let me know if you run into anything. I truly enjoy reading your blog and I look forward to your new updates.

  2. I loved as much as you will receive carried
    out right here. The sketch is tasteful, your authored material stylish.
    nonetheless, you command get bought an shakiness over that you wish be delivering the following.
    unwell unquestionably come further formerly again since exactly the same nearly a lot often inside
    case you shield this increase.

  3. Very nice post. Ӏ jսst stumbled սpon your weblog and ѡanted to sаy
    that I haᴠе гeally enjoyed surfing ɑгound your weblog posts.
    Ιn any ϲase I wіll be subscribing іn your rss feed and I hope
    you write again verу soon!

  4. I just could not go away your web site before suggesting that I
    actually loved the standard info a person supply on your
    visitors? Is gonna be back often to check out new posts

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here