Dramma Funivia Stresa-Mottarone: precipita una cabina, è una strage

0
4278

13 vittime e 2 bambini in condizioni molto gravi: è il bilancio provvisorio del tragico incidente alla Funivia Stresa-Mottarone, in Piemonte. 

Gravissimo incidente alla funivia Stresa-Mottarone, in provincia di Verbania-Cusio-Ossola, in Piemonte: una cabina è precipitata in uno dei punti più alti del percorso, dove l’impianto corre più staccato da terra. Tredici persone sono morte sul colpo e due bambini, di nove e cinque anni, sono stati portati dai soccorsi in ospedale a Torino in condizioni definite gravi.

La dinamica del terribile incidente alla funivia

A bordo della cabina precipitata c’erano quindici passeggeri, secondo quanto confermato da Federico Monti, sindaco di Arona. Sul posto dalle 12:30 sono impegnati i Vigili del Fuoco e personale del Soccorso alpino. I due bambini rimasti feriti sono stati recuperati con le eliambulanze e subito trasferiti in ospedale in codice rosso. Il drammatico incidente è stato probabilmente causato dal cedimento di una fune nella parte più alta del tragitto che, partendo dal Lago Maggiore, raggiunge i 1.491 metri d’altezza. La cabina è caduta a circa cento metri dall’ultimo pilone. La corsa dura una ventina di minuti.

Leggi anche –> Giovanni Galli, il dramma del figlio morto a soli 18 anni: il maledetto incidente

“La cabina della funivia è caduta da un punto relativamente alto – ha spiegato ai microfoni di Rainews24 Walter Milan, del Soccorso alpino – e si è adagiata sul terreno ai piedi di un grande bosco. Ora appare sostanzialmente distrutta a terra, quasi completamente accartocciata”.

Leggi anche –> Enrico Ruggeri, l’incidente in cui ha rischiato di perdere la vita

Il bambino di 5 anni trasportato all’ospedale Regina Margerita di Torino ha riportato un trauma cranico, toraco-addominale e fratture agli arti inferiori. Secondo quanto si è appreso è arrivato al nosocomio cosciente.

Chiusa nel 2014 per garantirne una revisione generale, la funivia era stata riaperta il 13 agosto 2016. I lavori, costati 4 milioni di euro, sono stati eseguiti dalla ditta Leitner di Vipiteno. La manutenzione straordinaria aveva previsto una serie di interventi tra cui la sostituzione dei motori, dei quadri elettrici, dell’apparato elettronico e dei trasformatori.