Gigi Proietti, scandalo inaccettabile: la figlia Carlotta su tutte le furie

0
214

“Vi pregherei di non alimentare queste polemiche”: così si è sfogata Carlotta, figlia di Gigi Proietti, sentendo le fake news sul padre.

“Vi informo che la notizia uscita su Repubblica ieri, è una fake news”: così inizia il post di Carlotta Proietti, pubblicato oggi (27 maggio) su Facebook. L’articolo a cui la donna si riferisce è quello in cui l’AMA Cimiteri Capitolini (che si occupa della gestione dei cimiteri di Roma e provincia) viene accusata di non aver ancora preparato il luogo di sepoltura a sette mesi dalla morte di Gigi Proietti. In molti articoli si parla anche del silenzio di Virginia Raggi (di fatto accusandola di non essersi adeguatamente interessata alla vicenda). Oggi, però, la figlia ha voluto mettere le cose in chiaro.

Leggi anche -> Massimiliano Mollicone, l’annuncio lascia Vanessa senza parole: decisione improvvisa

“Vi pregherei di non alimentare queste polemiche, inutili e dannose. È stato evidentemente un attacco alla città, alla sindaca, fatto usando il nome di mio padre” ha scritto Carlotta su Facebook. “Forse la cosa che fa più tristezza è quando ci si permette di dire ‘cosa avrebbe detto Gigi’. Bene. Nessuno può sapere cosa avrebbe detto”. Il post poi continua così: “Non avrebbe ‘riso sornione’, non avrebbe preso in giro, non avrebbe ironizzato. Sicuramente si sarebbe informato prima di aprire la bocca e daje fiato”.
Gigi Proietti, la figlia: “Mio padre amava Roma”
Gigi e sua figlia Carlotta sono sempre stati molto legati: la donna fu anche protagonista di uno degli spettacoli del padre, Cavalli di battaglia. Tra un monologo ed una gag, l’uomo lasciava volentieri il palco alla figlia (cantautrice ed attrice). Anche quando Carlotta ha iniziato a lavorare da sola nei teatri di Roma, il padre e la madre erano sempre in prima fila per sostenerla. Non sorprende, quindi, la rabbia che Carlotta ha provato leggendo delle fake news sulla sepoltura di Gigi.
Alla fine del suo post su Facebook, poi, Carlotta invita i lettori a parlare di altro. “Papà amava la sua città, amava il suo pubblico, il suo teatro, e queste sono le cose a cui teniamo anche noi. Per la sepoltura ci vorrà del tempo, i tempi sono lunghi ora e lo sono sempre stati, i problemi ci sono e ci sono sempre stati. State calmi, abbiamo già tanti problemi da risolvere, vogliamo far partire una stagione teatrale di questi tempi. Se proprio dovete parlare, parlate di questo”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here