Harrison Ford, dramma sul set di Indiana Jones 5: “Gravissimo infortunio”

0
2717

Se l’è vista decisamente brutta Harrison Ford, vittima di un grave infortunio sul set di Indiana Jones 5. Nonostante l’accaduto, però, le riprese continuano.

Una semplice distrazione, un’inevitabile fatalità o forse un’impietosa avvisaglia dell’età che avanza anche per un eroe invincibile come lui. Sta di fatto che Indiana Jones, alias Harrison Ford, si è gravemente infortunato sul set del quinto capitolo della leggendaria saga. La notizia sta facendo il giro del web destando non poca preoccupazione tra i tantissimi fan del celebre attore americano.

La notizia che ha messo in allarme di fan di Harrison Ford

L’entità dell’infortunio subìto da Harrison Ford non è stata ancora resa nota, ma voci di corridoio dicono che l’attore si sarebbe fatto male a una spalla durante una scena di combattimento. Probabilmente la star del cinema dovrà restare a riposo per qualche settimana, ma le riprese del film continueranno anche in sua assenza. Sempre che i tempi di recupero non siano troppo lunghi…

Leggi anche –> Grave lutto nel cinema: è morto Joe Lara, indimenticabile Tarzan

Ricordiamo che le riprese di Indiana Jones 5 sono iniziate all’inizio di questo mese a Pinewood e in altre località del Regno Unito. Sul cast, oltre ad Harrison Ford, sono impegnati anche Mads Mikkelsen, Phoebe Waller-Bridge, Boyd Holbrook, Shaunette Renée Wilson e Thomas Kretschmann. Il regista James Mangold ha preso il testimone da Steven Spielberg, rimasto nel franchise nelle vesti di produttore insieme a Kathleen Kennedy, Frank Marshall e Simon Emanuel.

Leggi anche –> Robin Williams, la verità sulla sua tragica morte: il retroscena

Indiana Jones 5 uscirà nelle sale il 29 luglio 2022 ed è l’ultimo capitolo di un saga nata nel 1981 con I predatori dell’arca perduta e poi proseguita con Il tempio maledetto nel 1984, L’ultima crociata nel 1989 e Il regno del teschio di cristallo nel 2008. Il tutto con incassi in tutto il mondo pari a quasi due miliardi di dollari, a fronte di un budget complessivo di “soli” 281 milioni.