Instagram e Facebook, “rivoluzione” dei like: tutte le novità

0
1916

I social di Mark Zuckerberg annunciano un svolta: al termine di un periodo di test arriva per gli utenti una nuova funzione relativa ai like. 

“Mi piace”, ma non è detto che lo debbano sapere tutti. E così, d’ora in avanti si potrà scegliere se oscurare o lasciare visibile il numero di like su un post di Facebook e Instagram. Questa l’importante novità introdotta dai social di Mark Zuckerberg al termine di un periodo di test per capire se la modifica potesse aiutare a ridurre la pressione che alcuni utenti avvertono nel postare sui social.

Le nuove regole dei like su Instagram e Facebook

“Quello che è emerso, confrontandoci con le persone e con gli esperti” si legge nella nota ufficiale, “è che se per alcuni non vedere il numero di like era positivo, ad altri la cosa non piaceva, anche perché questi parametri sono usati dalle persone per avere un’idea dei contenuti più trendy e di successo. Per questo abbiamo deciso di dare a tutti la possibilità di scegliere”.

Leggi anche –> Romina Power, l’annuncio coinvolge Al Bano: tutti senza parole 

L’iniziativa si inquadra nel tentativo di filtrare i contenuti ritenuti offensivi nei messaggi diretti e di dare agli utenti la possibilità di controllare cosa visualizzare e condividere nella sezione Notizie di Facebook, come nel caso dei filtri per il feed, la gestione dei preferiti e le impostazioni relative a chi può commentare.

Leggi anche –> Striscia la Notizia, il vestito delle veline è troppo corto: Mikaela in imbarazzo

Da oggi, dunque, si potrà scegliere su Instagram se nascondere il numero dei like su tutti i post. Accedendo alla nuova sezione “Post” via “Impostazioni”, si potrà nascondere il conteggio dei “mi piace” prima e dopo la pubblicazione. E nelle prossime settimane le stesse opzioni saranno attive anche su Facebook. Il gruppo ha lavorato con esperti indipendenti per capire “come dare maggior controllo e consapevolezza alle persone e contribuire così a creare un’esperienza più positiva”, finanziando anche ricerche indipendenti per capire come gli utenti si approcciano al social network e come migliorare le policy e i prodotti.