Monica Bellucci corteggiata da Eros Ramazzotti: “Ero incinta…”

0
4789

Ci ha messo cinque mesi Monica Bellucci a replicare alle rivelazioni di Eros Ramazzotti. E ora annuncia: “Lo chiamo”.  

Era metà dello scorso luglio quando Eros Ramazzotti, in un’intervista con il Corriere della Sera, rivelò che in passato aveva avuto l’opportunità di corteggiare Monica Bellucci, ma purtroppo si lasciò sfuggire l’occasione. Il noto cantante romano si riferiva all’incontro che ebbe con la modella e attrice nel 2014, nel corso del programma condotto da Fiorello “Stasera pago io Revolution”. Ora, a cinque mesi di distanza, la diretta interessata ha deciso di dire la sua.

La verità sulla liaison tra Monica Bellucci ed Eros Ramazzotti

A colloquio con il magazine F Monica Bellucci ha commentato quanto detto dall’artista a luglio (dopo aver premesso che a suo tempo non aveva letto le dichiarazioni incriminate): “Ma ero incinta di cinque mesi! Aspettavo Deva!. Giuro che lo chiamo. Eros è un amore, ho rispetto totale di lui”. Non resta dunque che attendere la telefonata chiarificatrice. Per il resto, Eros metta da parte ogni rimpianto e se ne faccia una ragione: quella love story sarebbe stata comunque impossibile.

Leggi anche –> Eros Ramazzotti, il flirt con Marta Delogu: cosa è successo davvero in vacanza 

Leggi anche –> Eros Ramazzotti, bufera per la nuova fiamma Marta: è giovanissima

Monica Bellucci ha poi discusso del tema bellezza, chiarendo che non si sente affatto di incarnare il prototipo della donna più bella d’Italia (e tra le più affascinanti del mondo): “Ma quando dice questa cosa, si rende conto che è assurda? Cioè, ragazzi… Se lei ci crede, e se io ci credo, è gravissimo. Ma chi la vuole questa cosa? Nessuno la vuole”.

“Io ho due figlie – ha aggiunto l’artista tifernate – e, quando torno a casa la sera coi tacchi, mi dicono: senti, mamma, metti la vestaglina. La Tour Eiffel in casa non la vuole nessuno”. Quanto alla sua attuale situazione sentimentale, “il bello di avere la mia età è che posso permettermi di non dirlo…”.