Paolo Rossi, il dolore per la scomparsa non va via: il racconto della moglie

0
904

La vedova di Paolo Rossi, Federica Cappelletti, ha raccontato com’è stato il primo anno senza l’amore della sua vita.

Il mondo del calcio ha perso lo scorso anno uno dei suoi protagonisti più illustri: Paolo Rossi. L’ex pallone d’oro e campione del mondo nel 1982 è deceduto nell’ospedale di Siena il 9 dicembre del 2020. Una morte che non è stata improvvisa, ma che l’ex calciatore attendeva ormai da un po’ di tempo, da quando gli era stato diagnosticato un tumore incurabile. Una notizia che è giunta poco dopo l’ultimo viaggio di famiglai con la moglie e le figlie: i due erano andati alle Maldive per rinnovare le promesse nuziali.

Paolo RossiAd un anno di distanza dalla tragica scomparsa di Pablito, il programma di Rtl ‘Non Stop News’ ha intervistato Federica Cappelletti proprio in occasione del primo anniversario della morte. La donna ha esordito dicendo: “Oggi è veramente difficile“. Quindi ha aggiunto: “E’ da ieri che non faccio che ricevere messaggi, tante testimonianze. Sono giorni un po’ complicati. E’ stato un anno difficile: un anno in cui inizialmente mi sentivo dentro una lavatrice, quindi ero un po’ frastornata da tutto quello che stava succedendo, dalla perdita di Paolo”.

Leggi anche ->Belen Rodriguez, il messaggio per l’uomo misterioso: non è chi pensate

Paolo Rossi, la moglie racconta gli ultimi istanti di vita

In un secondo momento Federica ha parlato del libro che ha scritto sul marito, ‘Per sempre noi due – Le nostre parole d’amore‘, spiegando che per lei scriverlo è stato terapeutico, le ha permesso di lasciare un ricordo indelebile di Paolo. Successivamente ha raccontato gli ultimi momenti passati insieme a lui: “Negli ultimi giorni in ospedale parlavamo molto di noi, abbiamo rivisto tante foto di momenti vissuti insieme e lui a un certo punto mi ha chiesto di non dimenticare il nostro amore e di non disperderlo”.

Ma il momento più toccante è stato quando ha parlato della decisione di farlo vedere per l’ultima volta alle figlie: “Ho voluto portare le bambine in ospedale, nonostante i medici me lo avessero sconsigliato, perché conoscendoli tutti e tre sapevo che lui non sarebbe andato via sereno e che loro non avrebbero mai accettato di non averlo visto per l’ultima volta”.  Una scelta presa contro il parere dei medici, insomma, ma che anche il personale dell’ospedale ha assecondato con grande gentilezza e comprensione.

Leggi anche ->Vite al limite, la storia di Melissa: quanto pesava e com’è diventata

Questi e altri ricordi potremo sentirli domani pomeriggio a ‘Domenica In’. Federica Cappelletti è infatti una delle ospiti del 16 gennaio del programma condotto da Mara Venier.  Possibile che si parli della questione Olimpico di Roma. Da qualche settimana si parla della possibilità di intitolare lo stadio della Capitale proprio alla memoria di Paolo Rossi, ma non tutti sono sembrati d’accordo con la proposta.